X Congresso Mondiale di Psicomotricità

martedì 18 giugno 2019

X Congresso Mondiale di Psicomotricità

Disturbi psicomotori: attualizzazione
prospettive per gli interventi degli psicomotricisti

29.10-01.11/2020
VERONA - PALAZZO GRAN GUARDIA
CISERPP - OIPR

EMOZIONI E ARMONIA PSICOMOTORIA
MALATTIE DEL PROGRESSO

PNG - 7.3 Kb

Da oltre un secolo la Psicomotricità ha visto un costante sviluppo attualizzandosi nel contesto di ogni periodo storico. E tale crescita si è sempre affiancata all’evoluzione dell’essere umano per meglio individuarne i bisogni.

Nella nostra società il costante e ultra-rapido cambiamento, ciascun professionista deve essere capace di identificare i bisogni delle persone che si rivolgono alla Psicomotricità. Per questo noi disponiamo di metodi e di strumenti di valutazione e di intervento appropriati, diversificati, specifici e scientificamente rigorosi.

Ed è riferendosi ai Padri storici che per primi hanno parlato di ‘dialogo tonico-emozionale’, che le conoscenze in Psicomotricità sono state elaborate a partire dalla scoperta e poi dalla conferma del ruolo centrale delle emozioni nella costituzione delle persone: nel corso della costruzione dei primi legami, dell’espressione delle prime forme di comunicazione, degli inizi dell’adattamento alla realtà. In Psicomotricità, le emozioni non sono né secondarie né negative, ma considerate come il contenuto dell’evoluzione e dell’espressione. Lo scopo degli interventi, allora, è quello di facilitare la loro regolazione ed espressione armonica onde favorire lo sviluppo e la realizzazione delle competenze psicomotorie, reali e potenziali.

Oggi, gli studi e le ricerche sia mediche sia psicosociali, specialmente quelle basate sulle tecnologie e la diagnostica per immagini, individuano sempre più finemente i processi che sottendono lo sviluppo delle sinergie psicomotorie in rapporto con la regolazione e l’equilibrio delle emozioni. Si comprendono, dunque, meglio i disordini psicomotori come linguaggio, come espressione della difficoltà a collocarsi nel rapporto con sé stessi e gli altri e sostenere le richieste dell’ambiente. Ne derivano delle applicazioni dirette e innovatrici per aiutare le persone a salvaguardare il proprio benessere psico-corporeo.

La Psicomotricità oggi è una disciplina in grado di contribuire in modo autonomo e specifico, ma senza essere isolata, alla ricerca scientifica creando strumenti professionali, di valutazione e di intervento, capaci di giustificare l’efficacia degli interventi degli psicomotricisti: metodi e tecniche specifiche finalizzate a creare e/o salvaguardare il legame sinergico tra le funzioni psicomotorie per una migliore autonomia, a partire dal corpo mediatore tra il soggetto e la realtà.

pt it es fr uk de